Trattamenti ortodontici bambini

trattamenti ortodontici bambini

Una buona indicazione è quella di sottoporre ad una prima visita i bambini di età compresa tra i 5 e i 6 anni, ovvero all’inizio del primo ciclo di permuta. In questo periodo si intercettano le malocclusioni derivate da problemi scheletrici e/o funzionali.

Qualora fossero presenti delle problematiche si valuterà l’epoca migliore di intervento o se monitorare il paziente. Questa fase si conclude con la fine della permuta.

  • Palato Stretto

    Il ridotto sviluppo trasversale del palato, riconoscibile come “palato stretto”, può comportare conseguenze come:

    • Difficoltà respiratorie
    • Morso incrociato
    • Affollamento dentale
    • Latero deviazione della mandibola.

    E’ importante che questa fase del trattamento venga effettuata in età pediatrica, in modo da poter sfruttare la crescita per la correzione delle basi ossee. Infatti in questa fase l’obiettivo è la correzione e guida dello sviluppo scheletrico, l’allineamento dei denti potrebbe essere una conseguenza.

  • Affollamento dentale

    L’affollamento dentale in età pediatrica ha come conseguenze le difficoltà di eruzione dei denti permanenti e una corretta igiene dentale. Il trattamento in questa fase può prevedere l’estrazione dei denti da latte e/o dei denti permanenti.

  • Sorriso gengivale
    sorriso gengivale

    Il sorriso gengivale è appunto quando si espone una quota di gengiva eccessiva durante il sorriso. Può essere dovuto a:

    • Malposizione dentale
    • Errato sviluppo delle basi scheletriche

    A seconda della causa del sorriso gengivale ne consegue un approccio terapeutico ottimale.

  • Denti sporgenti – II Classe

    I denti sporgenti possono creare problemi sia funzionali che estetici.

    A volte sono la conseguenza di abitudini viziate; della mancanza di spazio, oppure dell’incongruenza tra le due arcate. Nel bambino ne consegue il rischio di traumi e fratture degli incisivi superiori.

  • Morso inverso anteriore – III Classe

    Il morso inverso anteriore è identificabile quando la chiusura dei denti dell’arcata superiore avviene all’interno dei denti dell’arcata inferiore.

    Normalmente ciò è dovuto ad un deficit di sviluppo scheletrico del mascellare superiore. E’ importante intervenire in età evolutiva, in quanto con apparecchiature mirate, è possibile guidare la crescita in una direzione più favorevole.

  • Morso aperto
    morso aperto

    Si ha morso aperto quando, pur chiudendo la bocca, rimane una beanza fra le arcate.

    Il morso aperto può essere dovuto a problemi di posizione dei denti e/o a problemi di sviluppo delle basi ossee. Nel bambino influenzano le due condizioni precedenti anche quelle che vengono indicate con il termine di “abitudini viziate”, ossia il succhiamento del pollice o del ciuccio.